Avvocato per incidenti stradali

Avvocato per incidenti stradali

Quando si è vittima di un incidente stradale è fondamentale avere al proprio fianco un avvocato esperto di infortunistica stradale che sappia muoversi con il suo team di consulenti per farci ottenere il massimo risarcimento possibile dalle assicurazioni. Un risarcimento impostato male può far perdere una parte importante del risarcimento che ci è dovuto. Servono professionisti navigati che conoscono a perfezione il mondo delle assicurazioni, il codice della strada e, cosa più importante, come muoversi all’interno delle maglie burocratiche e procedurali

Quando si è vittima di un incidente stradale si matura il diritto di essere risarciti dall’assicurazione di chi ha causato il sinistro per i danni subiti.

Come è facile immaginare per poter godere appieno di questo diritto è necessario seguire un iter che passa per la ricostruzione della dinamica del sinistro, alla quantificazione del danno fino all’ottenimento del giusto risarcimento. Si tratta di passaggi delicati che possono pregiudicare il buon esito del risarcimento del danno da incidente stradale. È qui che entra in gioco una figura fondamentale: il legale esperto in sinistri stradali o, come viene chiamato in maniera più informale, l’avvocato per gli incidenti. Un legale ferrato nel campo dell’infortunistica, infatti, saprà elaborare la strategia migliore per ottenere il massimo risultato. Il nostro Studio Legale ha una sezione dedicata all’infortunistica stradale. I nostri legali, infatti, sanno bene che in caso di sinistro è fondamentale disporre dei mezzi necessari per:

  • avere una ricostruzione dettagliata e probante del sinistro con rilievi tecnici.
  • avere una perizia completa e professionale che stimi i danni al mezzo di trasporto.
  • avere una perizia medica di parte che stimi i danni alla persona.

La gestione del rapporto con l’Assicurazione durante la richiesta di risarcimento danni

Quando l’avvocato, avvalendosi dei suoi periti e medici di parte, avrà ricostruito la dinamica dell’incidente e avrà quantificato il danno si passerà alla parte relativa alla richiesta di risarcimento. Una profonda conoscenza della legge e del Codice della Strada permetterà all’avvocato di inoltrare una richiesta solida, che l’assicurazione tenderà ad accogliere. La gestione del rapporto con l’Assicurazione è un altro degli aspetti cruciali. Di norma le assicurazioni tendono a sottostimare il danno perché cercano di risparmiare. L’avvocato saprà, invece, tenere il punto e parare i colpi che l’assicurazione cercherà di portare a segno per pagare di meno.

Indennizzo Diretto

In alcuni casi, qualora si verifichi un sinistro stradale, è necessario chiedere il risarcimento dei danni subiti direttamente alla propria compagnia assicuratrice. Questi casi sono disciplinati dalla legge (Dpr 254/2006), la quale prevede che si debba ricorrere all’indennizzo diretto quando l’incidente coinvolge solamente due autovetture, gli autoveicoli sono identificati e sono assicurati ed immatricolati nel territorio italiano, le eventuali lesioni personali riportate a seguito dell’urto non devono essere qualificate oltre il 9 % di invalidità.

Ricorrendo tutti questi presupposti, chi ha subito l’incidente deve segnalare l’evento alla propria compagnia assicuratrice tramite la denuncia di sinistro. La compagnia assicuratrice nominerà i propri professionisti (liquidatore assicurativo, medico, perito) i quali dovranno determinare la dinamica del sinistro e quantificare i danni subiti.

L’assicurazione deve rispettare delle tempistiche precise per formulare l’offerta di risarcimento del danno, queste sono: 30 giorni in caso di indennizzo diretto; 60 giorni per il risarcimento ordinario, ossia quello effettuato dalla compagnia assicuratrice di controparte e 90 giorni in presenza di feriti.

Indennizzo Indiretto

L’indennizzo indiretto interessa tutti quei sinistri che non hanno i requisiti previsti per l’indennizzo diretto, quindi quando siamo in presenza di più di due veicoli, quando le lesioni riportate dal guidatore o da uno dei passeggeri superano i 9 punti percentuali ecc. In questi casi si deve provvedere, con apposita comunicazione, ad informare l’assicuratore del danneggiante. La comunicazione deve contenere tutte le informazioni circa la dinamica del sinistro e gli aventi diritto al risarcimento dei danni subiti.

In questi casi l’assicurazione deve formulare l’offerta di risarcimento danno per le cose, entro 60 giorni dalla ricezione della comunicazione di avvenuto sinistro, nel caso in cui la denuncia di sinistro viene sottoscritta da tutte le parti coinvolte il termine si abbassa a 30 giorni e 90 giorni in caso di lesioni personali.

Risarcimento danni per lesioni personali

Nel caso in cui, a seguito di un sinistro stradale, il conducente oppure un terzo trasportato abbiano subito delle lesioni personali si ha diritto ad un risarcimento del danno detto risarcimento del danno non patrimoniale.

Il danno subito è detto danno biologico e viene qualificato all’art. 139 del Codice delle Assicurazioni Private: “per danno biologico si intende la lesione temporanea o permanente all’integrità psico-fisica della persona suscettibile di accertamento medico-legale che esplica un’incidenza negativa sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamico-relazionali della vita del danneggiato, indipendentemente da eventuali ripercussioni sulla sua capacità di produrre reddito”.

l risarcimento di norma viene liquidato in base ai giorni in cui si protrae l’infortunio e ai punti di invalidità riconosciuti in sede medico-legale.

Per garantire un indennizzo pieno ed equo a chi ha subito delle lesioni a seguito di incidente stradale, su tutto il territorio nazionale, sono state predispose delle apposite tabelle (decreto del Presidente della Repubblica su proposta del Ministero dello sviluppo economico).

Una tabella ricomprende i casi in cui l’invalidità sia di lieve entità, in essa sono riportate le diverse tipologie di lesioni all’integrità psico-fisica che causano un’invalidità permanente sino a 9 punti percentuali.

L’altra tabella invece prevede tutte quelle menomazioni fisiche e psichiche ricomprese tra 10 e 100 punti percentuali. Tale tabella è detta delle lesioni micropermanenti.

Queste tabelle sono usate dal medico legale, in sede di visita del paziente, nella sua perizia per quantificare in punti percentuali di invalidità, le lesioni riportate a seguito dell’incidente.

Il nostro studio legale collabora assiduamente con medici legali per assicurare al cliente un’equa quantificazione dei danni subiti attraverso un’attenta perizia. In questo modo si potrà inoltrare all’assicurazione una solida e provata richiesta di risarcimento di tutte le lesioni subite e vedersi pienamente soddisfatti.

ALA Studio Legale

A.L.A. Studio Legale. Al tuo fianco per i tuoi diritti

ALA Studio Legale mette a disposizione la sua divisione di infortunistica stradale per suoi assistiti che sono stati vittime di incidenti stradali. Una gestione accorta della procedura di richiesta di risarcimento da sinistro stradale permette di ottenere il massimo. Inoltre quasi sempre la parcella dell’avvocato esperto in sinistri stradali viene pagata direttamente dall’assicurazione, come costo della procedura di risarcimento.

Contattaci e richiedi un colloquio orientativo

Infortunistica stradale

Gestisci la procedura di risarcimento per danni da sinistro stradale con ALA. Il nostro Studio Legale vanta una grande esperienza nel mondo dei sinistri e conosce a pieno come gestire il rapporto con le assicurazioni per ottenere il maggior beneficio possibile.

Le nostre sedi sono a Roma e a Bracciano (RM). Operiamo in tutta Italia.

Avvocato per incidenti stradali
in breve

  • Vuoi tutti i soldi che ti spettano come vittima di un sinistro stradale? Ci vuole un avvocato bravo
  • L’assicurazione fa i suoi interessi (pagare poco). L’avvocato fa i tuoi.
  • La parcella dell’avvocato la paga l’assicurazione; per la vittima non ci sono costi.
Contattaci